L' estate che imparammo a sparare. Storia partigiana della Costituzione eBook

"Alla svolta dell'8 settembre, gli italiani vedono abbandonata in strada una divisa che è unica, anche se ha gli stessi colori e la stessa foggia di quella dei militari che se ne disfano per tornare a casa nel caos della mancanza di ordini. È una divisa che ripete e incorpora tutte le divise dell'esercito italiano e che conferisce loro il senso e la forza della sovranità statale. È la divisa del 're-soldato', che viene simbolicamente gettata sulla via Tiburtina dal finestrino della Fiat 2800 in precipitosa fuga verso l'Adriatico. Simbolicamente perché il re continua a indossarla anche a Brindisi, ma a quel punto, malgrado l'identità di fattura, non è più la stessa divisa: la divisa del re che fugge ha preso per sempre il posto di quella del re che combatte." La Resistenza, sin dai suoi inizi, è anche una guerra per la sovranità. Una guerra combattuta singolarmente da ciascun partigiano per evitare che il vuoto di potere lasciato dall'8 settembre sia occupato dalla Germania nazista. Se si guarda all'eredità della Resistenza nella Costituzione solo attraverso le lenti dei grandi partiti, il rischio è quello di dimenticare l'esperienza costituente delle bande partigiane come costellazioni di singoli sovrani. Perché la Costituzione repubblicana è il risultato di singoli processi storici e giuridici che investono un arco di tempo più vasto di quello dell'Assemblea costituente e gli ordinamenti creati nel territorio dalle bande partigiane, le zone libere e le repubbliche sono tutte esperienze dirette a creare un nuovo ordine costituzionale. Con l'aiuto di un archivio di memorie e testimonianze, Giuseppe Filippetta racconta le scelte e le avventure di chi, dopo l'8 settembre 1943, intraprende, per dirla con Calvino, la "rifondazione di sé che si attua a partire da uno stato primitivo, fuori dalla società" e costruisce con coraggio, sofferenza e magari anche un po' di ingenuità le fondamenta di uno stato non più fascista.
Cocktaillab.it L' estate che imparammo a sparare. Storia partigiana della Costituzione Image

INFORMAZIONE

DIMENSIONE
7,82 MB
DATA
2020
ISBN
9788807893414
NOME DEL FILE
L' estate che imparammo a sparare. Storia partigiana della Costituzione.pdf
AUTORE
Giuseppe Filippetta
Leggi il libro L' estate che imparammo a sparare. Storia partigiana della Costituzione PDF direttamente nel tuo browser online gratuitamente! Registrati su cocktaillab.it e trova altri libri di Giuseppe Filippetta!

"L'Estate Che Imparammo a Sparare"

Martina Panzavolta L'estate che imparammo a sparare, pubblicato nel novembre 2018, è l'ultimo lavoro di Giuseppe Filippetta, già direttore della biblioteca del Senato e ora studioso dell'Istituto piemontese per la storia della Resistenza. Il libro è stato presentato mercoledì 4 dicembre, all'auditorium di S.Umiltà, di fronte a una platea di studenti del liceo Torricelli-Ballardini ...

Sillabario dei tempi tristi.pdf

Anni difficili. Dalla crisi finanziaria alle nuove sfide per l'economia.pdf

Le parole non servono. Segui l'energia per comunicare con gli animali e arrivare al loro cuore.pdf

Jack Frusciante è uscito dal gruppo. Ediz. speciale. Con gadget.pdf

La Banca d'Italia. Le istituzioni politiche in Italia.pdf

Il mio amico I Ching.pdf

Editing Novecento.pdf

Carosello.pdf

In un batter di ciglia. Il potere segreto del pensiero intuitivo.pdf

Iacobus.pdf

L' editto della luna. Moonlight act. Vol. 16.pdf

Trattato di antropologia del sacro. Vol. 6: Culture e religioni indigene in America centrale e meridionale..pdf

De Gasperi.pdf

Antropologia dei sensi.pdf

Leggere in digitale. Nuove pratiche di lettura nel contesto scolastico.pdf

Scienza da paura. Spiegazioni scientifiche per cose spaventose e orripilanti.pdf

La grande traversata.pdf

Introduzione allo spirito della liturgia.pdf

Super banchetto nell'antica Roma. In vacanza nel Tempo. Ediz. illustrata.pdf

Trucco facile. Per realizzare perfettamente il make-up più adatto a sé.pdf