Errare umanum est. L'errore nella pratica psicoterapeutica. Pazienti e terapeuti che sbagliano eBook

Il volume sostiene che l'errore sia ineludibile in ogni attività dei viventi e addirittura che sia alla base dell'evoluzione della vita. Esso lo si ritrova nei complessi processi che danno origine alla sofferenza psichica ed è costantemente in agguato anche nell'operare degli psicoterapeuti esperti che tuttavia tralasciano di riportarne esempi nei resoconti dei loro casi. Cerchiamo di descrivere quali siano gli errori più frequenti per cercare di evitarli e soprattutto come utilizzare terapeuticamente quella quota che resta comunque ineliminabile a partire dalla nostra esperienza clinica e didattica.
Cocktaillab.it Errare umanum est. L'errore nella pratica psicoterapeutica. Pazienti e terapeuti che sbagliano Image

INFORMAZIONE

DIMENSIONE
9,55 MB
DATA
2010
ISBN
9788889923993
NOME DEL FILE
Errare umanum est. L'errore nella pratica psicoterapeutica. Pazienti e terapeuti che sbagliano.pdf
AUTORE
Richiesta inoltrata al Negozio
Abbiamo conservato per te il libro Errare umanum est. L'errore nella pratica psicoterapeutica. Pazienti e terapeuti che sbagliano dell'autore Richiesta inoltrata al Negozio in formato elettronico. Puoi scaricarlo dal nostro sito web cocktaillab.it in qualsiasi formato a te conveniente!

Scarinci Antonio - Studi Cognitivi - Network

Libri di Roberto Lorenzini: tutti i titoli e le novità in vendita online a prezzi scontati su IBS.

Perché gestiamo male i nostri risparmi.pdf

Bugie, artisti e grandi guai. Una storia... che fa acqua da tutte le parti.pdf

Poterti parlare ancora. Messaggi di speranza dall'aldilà.pdf

Dirty. Dive bar series.pdf

Sogni americani.pdf

Diritto fallimentare con elementi di diritto processuale civile.pdf

A ogni svolta.pdf

Biciterapia. Un viaggio alla ricerca dell'equilibrio.pdf

Frank Miller Robocop versus Terminator.pdf

Nemiche.pdf

530 domande di diritto costituzionale e pubblico.pdf

Il risveglio della Dea.pdf

Passi. Diario di un pellegrino Vangelo e Zen.pdf

Franco Garelli. Un segno del Novecento.pdf